Olio: contro le frodi nasce un marchio italiano

santamariadellaneveOLIO – Rapporto Unaprol – Ixè: contro italian sounding, nasce marchio sostenibilità vero prodotto italiano

Roma – Nel mondo, Il 99% dei consumatori considera il fenomeno dell’italian sounding una frode. A rischio c’è la propensione dichiarata all’acquisto di olio italiano da parte del 79% dei consumatori europei, del 68% di quelli asiatici e dell’84% di quelli americani che pensano di acquistare, come italiano, un prodotto che non è fatto con olive italiane. Il dato è stato diramato da EXTRACT, l’osservatorio costituito da Unaprol – consorzio olivicolo italiano ed Istituto Ixè per l’olio extra vergine di oliva di qualità, che ha presentato il primo rapporto sulla percezione tra olio extra vergine di oliva italiano e consumatore mondiale realizzato durante l’EXPO di Milano 2015.

L’indagine campionaria quantitativa, realizzata nell’ambito del progetto Regg. CE 611 – 615/2014 di Unaprol, ha permesso di selezionare durante l’esposizione universale un campione di consumatori eterogeneo realizzando tra il 3 ed il 18 ottobre 2015, 1214 interviste. Il rapporto, il primo in assoluto in questo campo, traccia il profilo del consumatore mondiale con le sue aspettative rispetto al prodotto e le sue abitudini. “Il rapporto – afferma il presidente di David Granieri –  traccia finalmente un profilo del consumatore mondiale rispetto alla conoscenza del prodotto, che ora Unaprol mette a disposizione delle istituzioni per migliorare le politiche d’intervento nel settore”.

Emerge, infatti, che nel mondo, una media dell’86% dei consumatori conosce o ha sentito parlare dell’olio extra vergine d’oliva e il 72% dei consumatori sa che l’Italia è un paese produttore di olio extra vergine d’oliva. In entrambi i casi il prodotto è meno conosciuto in Asia, in particolare in Cina. In Europa la conoscenza è molto elevata, con una flessione in Gran Bretagna cui fanno compagnia Nuova Zelanda e Australia, dove la conoscenza del prodotto è inferiore alla media mondiale citata. La metà dei consumatori non sa che la produzione italiana si differenzia in base al territorio di origine; tra le aree produttive più conosciute spicca quella dell’Italia Meridionale. In Europa e America sanno che in Italia si produce olio extra vergine di oliva al Nord, al Centro e al Sud e isole comprese, ma in Asia non sanno che si produce olio extra vergine anche nell’Italia settentrionale.

Nel mercato globale, l’Italia detiene la maglia rosa per quanto concerne la classifica di notorietà tra Paesi produttori seguita da Spagna, Grecia e Portogallo. I più informati sono gli europei ma in Asia il 33% dei consumatori non sa ancora oggi quali siano i paesi che producono olio. Il 37% dei consumatori a livello mondiale dichiara di utilizzare frequentemente l’olio extra vergine d’oliva italiano. Il restate 63% lo usa raramente o mai. I paesi dove si concentra una maggior percentuale di consumatori di olio extra vergine italiano sono l’Europa, in particolare Francia, Austria e Russia, USA, Centro e Sud America. In Asia la percentuale di consumatori di olio d’oliva è inferiore.

In generale il mercato risponde molto bene all’olio extra vergine di oliva italiano. Il 75% dei consumatori si dichiara propenso all’acquisto se si tratta di prodotto italiano e la maggioranza assoluta dichiara che al momento di acquistare un olio extra vergine d’oliva non bada al prezzo per avere la massima qualità. L’olio extra vergine nel mondo è utilizzato soprattutto per condire, in primis verdure e poi carni e pesci.  L’utilizzo per la cottura si ferma a poco più del 40% degli users di olio.  Il 20% di coloro che acquistano olio extra vergine lo fa per usi estetici e curativi, una percentuale di poco inferiore lo usa come ingrediente per pani e dolci. In Asia viene utilizzato più che in altri Paesi a fini estetici, curativi e come ingrediente, ma meno per cucinare, friggere e come condimento. In Europa è la Francia a farne un uso più vario e più spiccato per fini estetici e curativi; in Gran Bretagna l’uso è più vario e più diffuso per preparare dolci, biscotti e pani; gli stessi comportamenti si registrano nei paesi dell’Est e in Olanda.

Quello che il rapporto mette in risalto è che Il 55% degli acquirenti di olio extra vergine d’oliva nel mondo, quando fa un acquisto legge l’etichetta. Il 38% la legge solo occasionalmente, il 7% non la legge mai. Il continente che meno degli altri bada all’etichetta è l’Asia, mentre in Giappone i consumatori sono più attenti. In Europa a leggere le etichette è mediamente il 60% dei consumatori, ma la pole position ce l’hanno gli americani. Il 54% dei consumatori nel mondo è convinto di acquistare un prodotto di origine italiana, quando un’etichetta riporta un nome o un marchio italiano. Ma tutti ritengono sia una frode scoprire che l’olio spacciato per made in Italy non è prodotto con olive italiane.

“Per questo ha concluso Granieri, insieme al rapporto consegniamo alle Istituzioni lo studio di fattibilità su un marchio di sostenibilità di tutta la filiera che dovrà contraddistinguere sul mercato mondiale la qualità del vero olio extra vergine di oliva italiano. Un marchio che racchiude valori economici, etici contro il lavoro nero, di tracciabilità e con parametri qualitativi superiori del vero prodotto italiano”.

 

Roma, 26 febbraio 2016

 

 

OLIO: Agenzia ICE e Unaprol 20 anni di successi made in Italy su tutti i mercati del mondo

 

Roma – Un’intesa di successo quella tra l’Agenzia ICE e l’Unaprol che produce ottimi risultati da oltre vent’anni sui principali mercati di tutto il mondo. Il segreto di questo successo sta in un clima di collaborazione “inossidabile” che dura nel tempo nonostante avvicendamenti ai vertici dei due organismi: una statale e l’altro del settore privato. In vent’anni di iniziative congiunte, il tricolore con i logo di ICE e Unaprol ha sventolato nei cinque continenti e nello specifico in Australia, Kuwait, Pakistan, India, Repubblica Popolare Cinese, Giappone, Singapore, Federazione Russa, Nord Corea, Slovenia,  Spagna, Belgio, Olanda, Danimarca,  Germania, Francia, Regno Unito, Irlanda, Canada, Stati Uniti, Brasile, Serbia, Taiwan e Uruguay.

Grazie alla collaborazione con Agenzia ICE, l’olio extra vergine italiano di qualità è stato anche l’ambasciatore del gusto del made in Italy nei numerosi vertici internazionali organizzati dal ministero dello sviluppo economico, Simest e Sace in ambito FAO e Nazioni Unite. Molto apprezzata la presenza e l’omaggio di bottiglie targate Unaprol sui tavoli di tutti i vertici dei Capi di Stato e dei consigli dei ministri UE durante il semestre di presidenza italiana del Consiglio Europeo e le numerose iniziative realizzate ad Expo 2015 con il lancio della bottiglia SOLO OLIVE ITALIANE.

L’iniziativa congiunta dell’Agenzia ICE e di Unaprol, in occasione del lancio del rapporto EXTRACT sulla percezione del consumatore mondiale nei confronti dell’olio extra vergine italiano di qualità, si concretizza con un’azione di incoming di buyer e di giornalisti dagli Stati Uniti.

Dopo la sigla del primo accordo di settore tra MISE e Unaprol, poi sfociato nell’intesa operativa tra ICE e lo stesso consorzio olivicolo italiano, sono al vaglio nuove misure per intensificare iniziative ed azioni di sensibilizzazione e fidelizzazione del consumatore mondiale a sostegno del vero olio extra vergine di oliva di qualità italiano. Tra le aree di interesse al primo posto sempre gli Stati Uniti il cui mercato è caratterizzato negli ultimi anni da una pesante concorrenza. Gli USA confermano la pole position come mercato di sbocco per l’olio extra vergine di oliva proveniente dall’Italia. Un mercato che rappresenta mediamente in valore 1miliardo e trecento milioni di export all’anno di oli di oliva vergini in generale.

 

Roma 26 febbraio 2016

 

 

 

OLIO:  marchio sostenibile per distinguere sullo scaffale il vero extra vergine italiano nel mondo

 

Roma – L’olio extra vergine italiano potrà contare sui mercati esteri su un marchio di sostenibilità condiviso da tutta la filiera dell’olio italiano. L’idea progetto è stata annunciata nel corso della presentazione di Extract l’osservatorio di Unaprol ed Istituto IXè per l’olio extra vergine di qualità, nel corso della presentazione del primo rapporto olio extra vergine di oliva italiano e consumatore mondiale.

“Il marchio – afferma David Granieri presidente di Unaprol racchiude quattro semplici concetti”: ambientale, perché capace di tutelare risorse naturali, biodiversità e territori diversi;   economico, perché si preoccupa di garantire un reddito equo agli agricoltori ed uno sviluppo alle comunità rurali; sociale ed etico perché garantisce trasparenza nell’occupazione, sicurezza nei luoghi di lavoro, uso di prodotti ecosostenibili e riciclabili; salutistico, perché proviene da una filiera tracciata, che esalta le proprietà salutistiche dell’olio extra vergine di oliva con parametri nutrizionali più restrittivi di quelli previsti dalla legge e, quindi,  in grado di soddisfare le attese di tutti i consumatori.

Il marchio, il cui progetto di ideazione grafica è in corso di elaborazione, verrebbe adottato attraverso un regime facoltativo di certificazione. Sarà identificativo di tutta la filiera dell’olio extra vergine di oliva italiano e dovrà essere condiviso con il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

 

Roma 26 febbraio 2016

 

 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *