Nella Val di Varri la proposta di un “Cammino” dedicato a Tommaso da Celano

PROPOSTA DI UN ‘CAMMINO’ DI TOMMASO DA CELANO

di  Giorgio Giannini

 

Tommaso da Celano, primo biografo di S. Francesco di cui ha scritto due biografie, ha vissuto gli ultimi 5 anni nel Convento delle Clarisse di S. Giovanni (ora Frazione di Sante Marie) nella Val di Varri, dove è morto (presumibilmente) nel 1265.

Il suo corpo ha riposato nella Chiesa del Convento di S. Giovanni, abbandonato dalle Clarisse nel 1476, e poi nel cimitero del monastero di Santa Maria del Piano a Scanzano (altra Frazione di Sante Marie).

Nel 1516, i francescani del Convento di S. Francesco di Tagliacozzo hanno portato il corpo di Tommaso nel loro Convento, dove si trova ancora oggi.

Nel 2016, in occasione del quinto centenario della traslazione della sua salma a Tagliacozzo, ho proposto di realizzare un Cammino di Tommaso da Celano, sul modello di altri Cammini, realizzati in altre Regioni e dedicati a Santi, come  S. Francesco o S. Benedetto (in Umbria e nel Lazio), che colleghi Celano, Tagliacozzo e Sante Marie, inviando una lettera ai Sindaci dei tre Comuni e per conoscenza al Vescovo dei Marsi, con sede ad Avezzano.

Il  Cammino, di poche decine di Km, che si potrebbero percorrere a piedi, in bicicletta o più comodamente in auto, attirerebbe sicuramente molti pellegrini, devoti a Tommaso da Celano o a S. Francesco, ma anche molti turisti ed escursionisti della Marsica e quindi contribuirebbe allo sviluppo turistico dei suddetti tre Comuni.

La mia proposta purtroppo non ha trovato ascolto nei Sindaci di Celano, Tagliacozzo e Sante Marie, alcuni dei quali mi conoscono, che non hanno neppure risposto alla mia lettera. Mi ha invece contattato al telefono, con mia grande sorpresa, il Vescovo dei Marsi, Mons. Pietro Santoro, che ha lodato la mia proposta, la cui realizzazione però non dipendeva da Lui ma dai tre Sindaci.

Confido che la proposta del Cammino possa essere ripresa in futuro da Amministratori più sensibili e più attenti allo sviluppo turistico dei propri Comuni.

 

 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *