Fondazione Flavio: all’insegna del pop l’ultimo concerto del Festival Arte

Fondazione Flavio: all’insegna del pop l’ultimo concerto del Festival Arte ai piedi della Montagna, il 30 aprile al Teatro Flavio Vespasiano 

 

 

Saranno le note pop di un gruppo di ventenni a chiudere al Teatro Flavio Vespasiano la seconda edizione del Festival Arte ai piedi della Montagna, il 30 aprile alle 18.  Una rassegna che ha valorizzato i giovani talenti reatini dediti alla musica, dal classico al pop, per proporre musica di qualità ad un vasto pubblico. 

 L’ultimo appuntamento della seconda edizione del Festival Arte ai piedi della montagna è con i giovanissimi talenti reatini dediti al pop. Il 30 aprile alle 18 sarà protagonista  la voce di Chiara Focaroli accompagnata da un ensemble strumentale costituito da Pietro Scasciafratte alla chitarra, Samuele Leuratti, al basso elettrico, Salvatore Erario, batteria, Matteo Panfilo, synth e modular synth. Interpreteranno una carrellata di successi che da Sergio Endrigo a “Stayn’ alive” da La febbre del sabato sera percorrerà un repertorio di grande popolarità. 

Da Io che amo solo te, fino a Stella di Broadway e Amore disperato sarà una successione di brani celebri rivisitati dalla creatività giovane di musicisti neanche ventenni, formatisi presso le istituzioni musicali della città.

Si chiude così un ciclo di quattro concerti al Teatro Flavio Vespasiano, aperti a tutti, in cui l’attenzione per la promozione dei giovani talenti si è affiancata alla presenza di artisti celebri. Come La voce di Elio, musicista ecclettico e fuori dalle convenzioni, in compagnia del pianista Roberto Prosseda, in un viaggio nella storia della musica classica. Mentre ancora prima i giovani musicisti del Phoinikes Sax Quartet, con musiche da Rossini a Morricone, e il giovanissimo trombettista Alessandro Rosi, accompagnato dal pianista Nicola Possenti,  hanno rappresentato al meglio l’impegno e il talento dei giovani musicisti reatini nel repertorio classico. 

La seconda edizione del Festival Arte ai piedi della montagna organizzata dalla Fondazione Flavio Vespasiano è finanziata dal Comune di Rieti, dal Ministero della Cultura e dalla Regione Lazio, nell’ambito dell’accordo di programma tra Ministero e Regione per i progetti di attività culturali nei territori interessati dagli eventi sismici verificati dal 24 agosto 2016. La rassegna è collegata alla rivalutazione del tessuto socio-culturale, in particolare dei centri storici, a seguito dei danni causati dal sisma nel Centro Italia.

 

Info: Tel. 0746 259291

info@fondazioneflaviovespasiano.it

www.fondazioneflaviovespasiano.it

www.visitrieti.com

 

 Sabato 30 aprile ore 18:00 | Teatro Flavio Vespasiano

Chiara Focaroli, voce

Pietro Scasciafratte, chitarra

Samuele Leuratti, basso elettrico

Salvatore Erario, batteria

Matteo Panfilo, synth e modular synth

Programma

“Io che amo solo te”

testo e musica di Sergio Endrigo

“Santa Maria”

testo e musica di Matteo Mobrici

“Cosa di manchi a fare”

testo e musica di Edoardo D’Erme

“In alto mare”

testo di Daniele Pace / Oscar Avogadro – musica di Mario Lavezzi

“Stella di Broadway”

testo e musica di Cesare Cremonini

“When I was your man”

testo e musica di Andrew Wyatt / Ari Levine / Peter Gene Hernandez / Philip Martin Lawrence II

“Paraocchi”

testo e musica di Bruno Mars/ Davide Simonetta / Michele Zocca / Riccardo Fabbriconi

“These boots are made for walking”

testo e musica di Lee Hazlewood

“Amore disperato”

testo e musica di Gerardo Manzoli / Varo Venturi

“Stayn’ alive”

testo e musica di Barry Alan Gibb / Maurice Ernest Gibb / Robin Hugh Gibb

 

 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.