Eutanasia e FC Rieti: attenzione a parlare di eutanasia in maniera imprecisa

Eutanasia e FC Rieti: attenzione a parlare di eutanasia in maniera imprecisa -Sabina Radicale

L’anno entrante sarà quello in cui finalmente i cittadini si potranno esprimere sulla legalizzazione dell’eutanasia. Proprio ieri si è costituito il primo Comitato per il No; lo hanno fatto senza citare, come si faceva finora, una supposta inammissibilità del quesito da parte della Corte Costituzionale, che ne discuterà il 15 Febbraio.

 

Si sta entrando dunque nel vivo di un dibattito che vorremmo aperto, limpido e senza fraintendimenti ed equivoci, anche involontari. A questo proposito, la scorsa settimana è passato su molte testate un comunicato diramato dai tifosi della F.C. Rieti che chiedono l’eutanasia per la società.

 

Da un lato notiamo come il vocabolo “eutanasia” sia ormai sdoganato, grazie alla campagna di raccolta firme, e di questo Sabina Radicale se ne compiace; dall’altro, però, ci appelliamo alla sensibilità di ciascuno per un uso più parco ed attento di un termine che assume, oggi più che mai, una valenza precisa.

 

Non manca molto infatti alla primavera in cui si voterà per il Referendum e alla dura campagna di informazione e dibattito che dovrà precederlo. Sarà allora necessario ribadire cosa si intenderà per “eutanasia” nel codice penale risultante dalla vittoria al referendum del 2022, giacché la campagna contraria ha già dato segni di voler intorbidare l’informazione.

 

L’eutanasia andrà chiesta dalla persona interessata (naturalmente con una domanda che sarà da valutare secondo la legge ed a più livelli) e non dai suoi familiari o da amici (o sentimentalmente legati, come in questo caso per i tifosi): la società F.C. Rieti crediamo abbia piena capacità di decidere il proprio destino. Per come poi questi tifosi la pongono, la loro è piuttosto una richiesta di interruzione di accanimento terapeutico (“si proceda a staccarle definitivamente la spina”) se non una istigazione al suicidio che è e sarà sempre duramente punita.

 

Non crediamo di esagerare: le parole hanno il loro peso e l’opinione pubblica si forma e viene confusa – in questo caso di certo involontariamente – anche così, nella lettura di questi titoli ad effetto. La via necessaria è parlare invece di eutanasia come nella bella iniziativa degli studenti del Liceo Varrone, che sul tema dell’eutanasia hanno voluto dibattere in un confronto tra Mina Welby e i sostenitori del ProVita.

 

 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.