Maram Al-Masri: protagonista di “Terra di poesia”

di Lorena Paris
 
Per questo nuovo  appuntamento con “Terra di Poesia” presento i versi di una  Poetessa di fama mondiale,  Maram Al-Masri. 
I suoi libri, infatti, sono pubblicati in tutto il mondo. 
Maram è nata in Siria, ma vive da tanti anni a Parigi.  Presente molto spesso in Italia in occasione delle sue perfomance e per i numerosi inviti che riceve. Io ho avuto l’onore e il piacere di conoscerla personalmente, proprio in terra di Tuscia: a Viterbo e a Tuscania, in occasione di due prestigiose manifestazioni poetiche in suo onore. Lazio, terra di Poesia! 
È stato piacevole e intenso scambiare  con lei, le mie parole di  stima e  gratitudine, perché è una grande  Poeta ed è fortemente impegnata in favore  dei  diritti umani e civili. 
Serbo  bei ricordi: il suo sorriso, il grande carisma, la sua eleganza e la sua voce  sussurrata e musicale,  così come conservo gelosamente i  libri con dedica autografata.  
Per i lettori di sabinamagazine, scelgo un suo testo, tra i miei preferiti e che leggo spesso durante i miei reading.  
Versi suadenti, liberi e radiosi! 
 
 
 
Tutte le parole amore mio
sono lacci
e tutti i sorrisi
sono maschere.
Tranne le mie parole
e il mio sorriso,
le prime sono 
una rosa damascena,
basilico e gelsomino
e il secondo è…
un sorriso.   
 
~~~~~
Le  più recenti pubblicazioni di Maram al – Masri, in lingua italiana: 
Ti guardo (traduzione dall’arabo di Marianna Salvioli), Multimedia Edizioni / Casa della poesia, 2009;
Anime scalze (traduzione italiana dal francese di Raffaella Marzano)
Multimedia Edizioni / Casa della poesia, Baronissi, 2011;
Sedici Nodi, con Monica Maggi, prefazione di Vincenzo Mascolo e nota di Dona Amati, FusibiliaLibri, 2013;
Arriva nuda la libertà (traduzione dall’arabo di Bianca Carlino), Multimedia Edizioni, Salerno, 2014;
Il tempo dell’amore (traduzione italiana di Luana Fabiano), Edizioni Culturaglobale, collana “100”, Cormons, 2015;
Lontananza (traduzione italiana dal francese di Marie-Claude Paoli), Medinova, Favara, maggio 2016.
 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *