I quattro organi scomparsi nel territorio di Rocca Sinibalda

di Renzo Giorgetti

 

Longone Sabino, S.Salvatore Maggiore

 

Antica abbazia Benedettina soppressa nel 1632. In seguito divenne sede del Seminario. Nel 1915 venne gravemente danneggiata dal terremoto e nel 1960 i seminaristi abbandonarono l’edificio che era inagibile. Ridotto ad un rudere in seguito all’abbandono il complesso è stato recentemente ristrutturato a cura del Comune di Concerviano. Le foto dell’intervento evidenziano l’assoluta mancanza di arredi o tracce dell’organo.

Come indicava Palmieri nel 1858 infatti, in quel periodo esisteva ancora un organo: “Il Seminario, cioè S.Salvatore Maggiore […] bello è il suo maestoso Tempio a una sola nave dedicato al SS.Salvatore, con organo”.

Sarebbe bello poter rintracciare qualche notizia in più su questo strumento ormai scomparso.

 

 

Monteleone in Sabina, S.Giovanni

 

Lo storico Palmieri nel 1858 indicava la presenza di uno strumento: “La parrocchiale chiesa di S.Giovanni è bella e con organo”.

Il parroco attuale mi comunica che l’organo non è più presente. Pare che sia stato rimosso moltissimi anni fa e di esso rimane solo qualche memoria orale.

 

 

Rocca Sinibalda, S.Agabito e Giustino

 

La visita pastorale del 1845 di mons. Filippo dei Conti Curoli indicava: “la cantoria coll’organo in buono stato.”

Il libro di Adone Palmieri, edito nel 1858, indica la presenza dell’organo nella chiesa: “L’arcipretale  chiesa a soffitta con 5 altari e organo […] dedicata ai protettori S.Agabito e S.Giustino”.

La chiesa fino al 1970 era officiata e curata dalle suore. L’organo era nel coretto a destra dell’altare maggiore, coperto da grate di legno.

Come si può vedere la chiesa vecchia è ridotta ad un rudere, essendo stata sostituita dal nuovo edificio parrocchiale. L’organo quasi sicuramente è scomparso.

Per notizia, aggiungo che nel libro di Adone Palmieri edito nel 1858 si indica che la Chiesa Nuova del paese era priva di organo.

 

 

 

Torricella Sabina, S.Giovanni Decollato

 

Il libro di Adone Palmieri edito nel 1858 indica la presenza dell’organo: “La chiesa parrocchiale di S.Giovanni Decollato è pure adorna di organo”.

Il parroco attuale mi informa che negli anni ’70 la chiesa è stata ristrutturata ed ammodernata per adeguarsi alla Riforma Liturgica del 1969 e la cantoria con l’organo sono state rimosse e disperse.

 

 

Adone PALMIERI, Topografia Statistica dello Stato Pontificio: ossia breve descrizione delle città e paesi, loro malattie predominanti, commercio, industria, agricoltura, istituti di pubblica beneficenza, santuari, acque potabili e minerali, popolazione […], parte terza Provincie di Velletri, Rieti e Frosinone, Tipografia Forense, Roma 1858, pp. 105,  106, 114, 115, 119.

 

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *