Da “IL Messaggero” Rieti tra è le province più colpite post Natale

Covid, effetto Natale sui contagi: boom Lombardia e Sicilia. Belluno, Rieti e Messina le province più colpite

Lunedì 11 Gennaio 2021 di Diodato Pirone

Covid, effetto Natale sui contagi: boom Lombardia e Sicilia. Belluno, Rieti e Messina le province più colpite

Lo spettro della terza ondata del Covid 19 agita governo, regioni e mondo scientifico. Ma come stanno andando davvero le cose? Per capirlo occorre partire dai dati sul terreno. Che registrano due grosse novità. La prima è internazionale. La terza ondata è già una realtà in Gran Bretagna, che viaggia fra i 50 mila e i 60 mila nuovi casi al giorno ormai da una settimana, e in Olanda. Il virus viaggia velocissimo anche nella vicina Slovenia che registra 97 casi ogni 100.000 abitanti contro i 28 della media italiana. Anche la Svizzera, a quota 42, è nei guai. La seconda novità è interna: ora la rete del sistema sanitario sta pescando i contagi nati nei cenoni di Natale e nelle feste più o meno clandestine di Capodanno. Il risultato è già chiarissimo: in Lombardia ieri la stessa Regione ha segnalato un indice Rt (quello che registra la velocità di propagazione del virus) a quota 1,5% con un aumento del 50% in pochi giorni. Non a caso ieri la Lombardia è tornata ad essere la Regione con il maggior numero di nuovi contagiati (3.500), primato che aveva ceduto da quasi un mese al Veneto.

La situazione nelle Regioni

 

Il caso Lombardia non è isolato. La Sicilia ieri ha segnalato oltre 1.700 nuovi casi che corrispondono al livello di contagio della Lombardia che ha il doppio degli abitanti. Ieri la Regione Sicilia ha dichiarato zona rossa l’intera città di Messina che ha ben 226.000 abitanti. E non finisce qui. Se si confrontano i contagiati complessivi di ieri con quelli di un mese fa si scopre che in Puglia sono passati da 48 a 55 mila e in Sardegna da 15 a 17 mila.

 

 

 

 

Per capire però ancora meglio l’andamento effettivo dell’epidemia in Italia sono utili altri dati. Ieri la provincia autonoma di Trento è risultata la prima per numero di contagi con 64 nuovi casi su 100.000 abitanti seguita dal Friuli con 53, da Bolzano e dall’Emilia con 49 e dalle Marche con 45. Se poi si va sulla tabella della media dei contagi settimanali (sempre su 100 mila abitanti) si scopre che la provincia più colpita è quella di Belluno, nel Veneto, che svetta su tutte con i suoi 72 casi. Ma  è sorprendente scoprire che fra le province più colpite dal Covid nell’ultima settimana c’ anche quella di Rieti con una media di 52 contagi giornalieri (sempre su 100.000 abitanti)  e, come accennato, quella di Messina con 44.

 

Morsa allentata

 

Per fortuna il Sars Cov-2 ha allentato la sua morsa in altre aree. In Toscana ad esempio (a lungo zona rossa e poi arancione) un mese fa si registravano 22 mila contagiati e ieri solo 9 mila. Crollo anche in Piemonte passato nello stesso lasso di tempo da 61 mila e 15 mila casi. Bene anche la Campania scesa da 96 mila a 75 mila casi e il Lazio nel suo complesso passato da 91 mila a 78 mila casi.

 

I vaccini

 

Che fare dunque di fronte ad un quadro così articolato? La priorità numero uno sembra essere quella di difendere la campagna di vaccinazione che da febbraio interesserà 4,3 milioni di italiani con più di 80 anni.

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *