A Rieti Giornata di studio per ricordare le Foibe

giornodelricordoGli alunni del biennio del Liceo Classico e della prima classe del CAT Geometri dell’I.I.S. “M.Terenzio Varrone” hanno ricordato, in quest’anno scolastico 2015 – 2016, in ottemperanza alla legge n.92/2004, il dramma delle foibe e dell’esodo della popolazione italiana dell’Istria. La giornata di studio e di riflessione  si è articolata in diversi momenti: dopo il saluto ai presenti del Dirigente Scolastico Prof.ssa Lidia Nobili, è iniziata con una esecuzione musicale dei giovani musicisti del Liceo  Classico (Gabriele Perrotta ha eseguito, al flauto, un brano di Debussy;  Gaia  Antinelli e Letizia Chiarini Petrelli si sono esibite in un duetto per clarinetti di Mozart), è proseguita con una lezione tenuta  dalla Prof.ssa De Martino che ha focalizzato tempi, luoghi e cause delle foibe e dell’esodo giuliano – dalmata, cui ha fatto seguito la lettura della tragica vicenda di Norma Cossetto, da parte delle alunne del I B Martina Gianferri e Rachele Gentileschi, e si è conclusa con la visione del documentario storico “Io non dimentico”, con testimonianze  di esuli istriani.

Ospiti dell’evento il Vice Prefetto Vicario Dott. Paolo Giovanni Grieco e il Dirigente del Nono Ambito Territoriale Dott.  Giovanni  Lorenzini. Gli ospiti si sono intrattenuti con i ragazzi proponendo, con i loro interventi, spunti per la riflessione.  Il Dott. Grieco,  dopo avere offerto alcuni approfondimenti di Educazione Civica, in riferimento al ruolo del Prefetto,  si è soffermato sull’importanza dell’istituzione della Giornata del Ricordo, come della Giornata della Memoria, non solo per il rispetto delle vittime, ma anche per la sensibilizzazione di una vigile coscienza civica. Il Dott. Lorenzini  ha  voluto richiamare ai ragazzi l’importanza dello studio della storia, che non è ricordo inerte di eventi passati, ma strumento di consapevole interpretazione del presente per intelligenze critiche.  Attraverso la memoria e il ricordo la scuola forma adulti consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri e, quindi, cittadini responsabili.

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *